L’USO DELLA FAVOLA E DELLA METAFORA NELL’ASCOLTO DEL MINORE